la ricerca herpes genitale

vaccini

Multiuso di prevenzione Technologies

theernment sostiene la ricerca sulle herpes genitale e virus herpes simplex (HSV). Gli studi sono in corso per sviluppare trattamenti più efficaci per i milioni di persone che soffrono di herpes genitale. Mentre alcuni scienziati stanno effettuando studi clinici per trovare il modo migliore per utilizzare i farmaci esistenti, altri stanno studiando la biologia di HSV. scienziati theernment hanno identificato alcuni geni ed enzimi (proteine) che il virus ha bisogno per sopravvivere. Sono fiducioso che i farmaci allo scopo di infrangere questi obiettivi virali potrebbero portare alla progettazione di trattamenti più efficaci.

Nel frattempo, altri ricercatori stanno mettendo a punto metodi per controllare la diffusione del virus ‘. Due importanti mezzi di prevenire l’infezione da HSV sono vaccini e multiuso di prevenzione Technologies.

Research In primo piano

Lo sviluppo di un vaccino contro l’herpes genitale è stato impegnativo. Recentemente, un vaccino sperimentale destinato a prevenire le malattie herpes genitale nelle donne, anche se generalmente sicuro e ben tollerato, si è rivelata inefficace quando testato in un trial clinico di fase III, noto come il Herpevac di prova per le donne. theernment sta esaminando altre opzioni vaccino e sostenere diversi vaccini in vari stadi di sviluppo.

Multiuso di prevenzione Technologies, o MPTS, sono prodotti che hanno una combinazione di funzioni che possono includere la prevenzione e la cura delle malattie a trasmissione sessuale e prevenire anche la gravidanza. Questi prodotti includono gel, anelli vaginali, film dissoluzione rapida, creme, lozioni o che una donna potrebbe inserire nella vagina o nel retto prima del rapporto sessuale. Questi prodotti sono in vari stadi di sviluppo.

Il theernment infezioni a trasmissione sessuale Clinical Trials Group sta sviluppando un studio di fase I per valutare la sicurezza di un gel MPT progettato per trattare le lesioni di herpes genitale. Questo MPT potrebbe anche potenzialmente servire come un metodo non ormonale di contraccezione e potrebbe aiutare a prevenire le infezioni da herpes genitale tipo 1 e 2, l’HIV, papillomavirus umano, e gonorrea.